04 maggio 2007

Arcobaleno

Stavo viaggiando ai 500 orari per raggiungere il loco ameno della sessione di P4C (o di FpB), quando all'improvviso si è materializzato sulla mia sinistra, in mezzo ad una macchia umida di verde: un arcobaleno gigantesco, nitido, assolutamente immobile, perfetto. Ho dovuto svoltare, materialmente e metaforicamente.



Materialmente ho svoltato sulla destra, per imboccare la via verso le classi...

Metaforicamente mi sono preso a sberle e ho cominciato ad essere felice,  con buona pace di Proust, citato alla fine di   e in accordo, ma solo apparentemente, con quando parla di (da leggere come se si leggesse "Chicks send me high") e della sua idea di felicità...

0 commenti: