30 maggio 2007

Magie della rete

Davvero: che ve lo dico a fare?

Un post fa ero lì a lamentarmi che i blogger famosi non mi considerano quando, riprese le ricerche per un mondo migliore, ho incontrato questo blog di un tizio che a leggerlo mi sembrava un blogger famoso sui trenta e poi ho scoperto che è un ragazzo de '91 e che potrebbe essere tranquillamente un mio allievo. Ho copiato l'indirizzo e gli scrivo finito questo post.
Ha scritto infatti un post su web2.0 e giovani che condivido pienamente perché è in accordo con la mia esperienza di insegnamento...
Per un pò avevo smesso di aggiornare il mio blog di filosofia perché i ragazzi non lo visitavano...mi hanno detto che era troppo difficile e che non riuscivano a capire come funzionava...
Però vorrei cercare delle soluzioni, altrimenti siamo sempre lì a lamentarci (come ho fatto io un post fa: me ne dispiaccio amaramente perché la rete, per me, è TUTTA da scoprire...)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Bhè, posso smentire il fatto che non visitiamo il blog Filosoficamente.
Mi è capitato più volte di sentire o vedere persone che lo visitavano senza lasciare commenti.
Per quanto riguarda me, ci butto un occhio tutti i giorni, leggo, rileggo, penso e chiudo; senza commentare, e non per questo significa che non lo legga.
Voglio una risposta, essendo regola dei blogger rispondere ai commenti dei loro lettori..

A presto, G.

PS: MAX-ISMO

Maxilprof ha detto...

Caro G., mi sa che hai ragione...ho impostato la cosa in maniera malsana, partendo dal presupposto che IO ho "raggione" e tutti gli altri torto...

aenima ha detto...

pensa che anche io pensavo che philapple fosse un blogger vissuto, poi a bologna, l'altro giorno al femcamp, l'ho visto e scoperto essere piu giovane di me ;)