31 ottobre 2007

web2.0 e scuola

Che ve lo dico a fare?
Ho due passioni: l'insegnamento e la rete. A volte cerco di metterle insieme. A volte no.
Una delle volte in cui ho provato a mettere insieme le cose è stato l'altro lunedì, che sarebbe il 29 ottobre. Con una Quinta.
Argomento: Fichte.
Reperire informazioni su Fichte.
Ho dato due link da visitare.
Ho detto di riassumere e di schematizzare.
Schematizzare come? Attraverso il PC.
"Ecomesifaprof - iolofacciosucartapoiloscannerizzoelomandoviamail...-
E allora ho fatto vedere come si usa Bubbl.us
E ho fatto scoprire delicious.
"Prof, cos'è: una cosa sconcia?"
E abbiamo cercato di lavorarci sopra.
Allora uno dei ragazzi in fondo mi ha chiesto una cosa: "Lei che è un esperto, può dirmi come mai non mi funziona questa gif animata sul pc e invece sul cellulare sì?"


PS: alla fine, ho consigliato a tutti di visitare il sito di Maestro Alberto...

27 ottobre 2007

Dove stai andando?

Dove stai andando?
Cosa c'è all'orizzonte?
Come sarà il futuro?
E il presente?

(Questa foto è di Lymf)

The road less traveled

Blogged with Flock

21 ottobre 2007

Ancora imparo 2

Nel pieno del flusso creativo, mi astengo da qualsiasi commento.

E' il tempo del vuoto, non il tempo del pieno.

Horsetails

Blogged with Flock

I caffè dal bacio in bocca

coffee-face-kiss


Dedicato al caffè, che mi manca parecchio...


Via Styleandart

19 ottobre 2007

Avatar

Mei Sheng 10.16.2007

Guardo il mondo

e il mondo guarda me

e tutto sembra perfetto

ed incredibilmente incivile...


Blogged with Flock

14 ottobre 2007

Flock e Fazio

...perché l'idea di Fazio sarebbe quella espressa qui. Ed è un'idea che condivido, quella della confusione. Anche se in queste ore si parla di grandiosa affluenza alle urne...

Per la cronaca: questo post è stato scritto attraverso Flock che mi piace sempre di più...

A Hole in the Wall


Blogged with Flock

Nuove dimensioni


Sono pronto a nuove esperienze?
Sempre?
Dovunque?

Il PD sarà la nostra nuova casa?
Il nuovo carcere?
Una via impraticabile?

E tutto questo a cosa ci riporta?
Al fatto che sono confuso.
Ma questo  l'ha già detto Fazio.

Blogged with Flock

11 ottobre 2007

Il giorno di oggi 1

Che ve lo dico a fare?

Giornata decisamente tonica e rinfrescante:

a) mattina presto: dose giornaliera di tragedie-omicidi-risse nel bar dove prendo il primo caffé;

b) coda mostruosa di pensionanti all'ASL. Io dovevo farmi controllare il braccio post tine test per visita medica. Loro? Non so...Comunque sono stati gentili. Mi hanno lascito passare. Ho fatto un appello: devo solo farmi controllare il braccio poi devo scappare a lavorare. Tutti in coro: preeego... Uno mi ha pure detto: vai, vai a lavorare se no chi ce le paga le pensioni?

c) corsa devastante per prendere il treno (non un treno qualunque: IL treno);

c) in aula a fare lezione di comunicazione agli alberghieri;

d) in treno ad affogare nelle lettura di I Simpson e la filosofia prestatomi da un allievo

e) ritorno a casa, a piedi;

e) in posta a pagare bollettini vari. Senza coda.

f) in biblio multimediale, a sistemare un pò di cose scolastiche e non solo.

Ora che mi sono detto tutto, posso ri-tornare a casa.

Che ve lo dico a fare?

La felicità è nel fondo...


A po.

10 ottobre 2007

Felicità 2.0

E allora mi sono ritrovato a pensare, a riflettere su cosa è la vera felicità? E
sono arrivato ad una conclusione mia, personale. Io non sarò mai felice come
quando vedo una persona a me cara sorridere, come quando faccio sorridere
qualcuno, come quando ricevo un grazie sincero…

La citazione del post di Stefano Frambi mi spinge a rispondere e a riflettere.

Allora: le domande sono, in realtà, due

1)Cos'è la felicità?

2)Io, di persona personalmente, quando sono felice?

Alla prima domanda non vorrei rispondere. Non qui. Non ora.

Alla seconda domanda vorrei rispondere. Quindi rispondo e dico che io sono felice in tanti piccoli gustosi momenti:
a) tipo ieri sera che mia figlia (quella più piccola) mi imitava,
b) tipo sempre ieri sera che le altre due mie figlie mi dicevano che le facevo ridere mentre ero intento a tentare di farle addormentare,
c) tipo ieri sera che scherzavo con mia moglie sul capire se era giusto imboscarsi la cioccolata e poi mangiarla di nascosto,
d) tipo questa mattina che un mio allievo ha portato in classe un libro di Lao Tzu, il Tao Te Ching e me lo ha prestato,
e) tipo l'altro giorno che mi sono deciso ad appiccicare sulla sidebar vari pulsanti ed etichette.
Per il pulsante dei feed Rss desidero ringraziare pubblicamente webfruits, altro mio faro nella notte della misteriosa blogosfera che a giorni alterni mi ingoia e a giorni sempre alterni mi risputa.

Ricerca casuale

Che ve lo dico a fare?

Erano le quattro e trenta quando mi sono imbattuto in questa recensione di Timeline ad opera di Valerio Evangelisti. Erano le quattro e trenta e mi sbellicavo dalle risate...Devo leggere qualcosa di Evangelisti...
In ogni caso sulla homepage di Carmilla ho adocchiato una recensione di Giuseppe Genna su un quasi romanzo di una certa babsi jones. Ho cercato e trovato il suo blog. Ho scoperto che da un tot di tempo in rete. Mica una qualsiasi.
Tutto in maniera casuale.
Io che mi pensavo che fosse tutto più ortogonale, rispettoso di angoli e prospettive e piste di ricerca già battute.
Invece è tutto un accumularsi di scoperte. Mie. Assolutamente personali.

A poi.

Siamo tutti uomini e donne...

Che ve lo dico a fare?


Esistono conversazioni che aprono mondi.


Schegge di saggezza, perle di puro sapere, onde cristalline dall’oceano della conoscenza…


In sostanza, in maniera provvisoria e saltuaria, sto affrontando uno studio sociale di una certa importanza: la radiografia di una trasmissione intesa come cartina di tornasole del nostro tempo.


Ecco alcuni estratti della ricerca



Frank, cubano, 21 anni. Concorrente.


La tronista dice: "Sei troppo giovane per me. .."E lui: “Allora non es un problema de estetica…”.


E lei:



Quando sei entrato non sei uno di quelli che mi è entrato subito nell’occhio.


Il sublime finale, proposto da un altro concorrente:



“C’è una bellissima frase di Pirandello che dice che ci sono uomini, ominicchi, mezzi uomini e quaquaraqua. Oggi io sono un uomo” si alza e se ne va, perché la tronista ha detto che non è il suo tipo…"


PS: ma non era Sciascia?


(TO BE CONTINUED...)

08 ottobre 2007

flock

Sto provando per la prima volta Flock, un browser "ultra punto zero"...

Blogged with Flock

07 ottobre 2007

Umanità punto zero

Che ve lo dico a fare?


Ero immerso nella preparazione della verifica su Kant per una quinta quando sono stato colpito dalla voglia irrefrenabile di trovare "The Golden Man", un racconto di Dick da cui è stato tratto "Next", film in uscita in Italia il 12 ottobre 23 novembre 2007. Cercando "The Golden Man", ho trovato invece "Le presenze invisibile, vol.3", una raccolta di racconti di Dick che avevo già letto tempo fa. Ho preso il libro e di tutti i racconti presenti ho riletto "Umano è". Il racconta parla di uno scienziato cinico, spietato, tutto centrato sulla carriera e completamente indifferente rispetto alle esigenze emotive della moglie. Lo scienziato in questione parte per una missione su un pianeta alieno e torna completamente trasformato. Ci sono dei dubbi sulla reale identità dello scienziato (forse un’entità aliena si è impossessata di lui?) ma alla moglie le cose stanno bene così.


Queste le parole con cui Dick, nel 1976, parla del suo racconto, scritto nel 1953:



"Per me, questo racconto definisce le mie iniziali conclusioni su ciò che è umano. Sostanzialmente, non ho cambiato punto di vista da quando l’ho scritto, negli anni Cinquanta. Non si tratta dell’aspetto esteriore, o del pianeta di nascita. Si tratta di vedere quanto uno sia dolce. Secondo me, è la qualità della dolcezza a distinguerci da pietra e legno e metallo, e sarà sempre il nostro tratto distintivo, qualunque forma prendiamo, ovunque andiamo, qualunque cosa possiamo diventare. Per me, "Umano è" è il mio credo. Spero possa essere anche il vostro."



Penso a qualcosa di simile ogni volta che sento parlare di tragedie o di omicidi o di vite spezzate o semplicemente di scortesia o di cafoneria o di indifferenza: non sono queste cose che ci contraddistinguono come esseri umani...

06 ottobre 2007

Sano e robusto...

Che ve lo dico a fare?


E’ venuto il giorno di fare rifare la visita per il certificato di sana e robusta costituzione.


E’ importante essere in forma. La scuola succhia energie fisiche e mentali. Se non si è in forma...



100_2694



A poi.

02 ottobre 2007

NET NEUTRALITY A SCUOLA

...e venne il giorno in cui parlai di net neutrality a scuola...
Si stava discutendo su Bacone e sul rapporto tra SAPERE e POTERE. Uno degli allievi parlò del potere dell'informazione, di come puoi manipolare le menti se controlli i media... Certo, Bacone non parlava di controllo dell'informazione ma del controllo sulla natura in effetti però quello che dice il vostro compagno è corretto, soprattutto per nostro mondo...avete mai sentito parlare della net neutrality?
...e venne il giorno in cui uno degli allievi ne aveva sentito parlare...