05 gennaio 2008

Bee movie

E così sono stato a vedere Bee-Movie.

 

 

Via mymovies

Globalmene parlando, un film di animazione come tanti altri, con il protagonista a combattere una battaglia tutta sua alla ricerca della propria libertà e personalità autentica e così via. Di seguito, il recupero del senso della comunità, con un ritorno alla tradizione all'interno di un mondo reso migliore guarda caso proprio dal protagonista.

ATTENZIONE: DI SEGUITO VERRA' SVELATA, SEPPUR METAFORICAMENTE, LA TRAMA DEL FILM.

Punti salienti:

1. la vita delle api vista dal di dentro, naturalmente tratteggiata dal punto di vista umano (le api vanno a lavorare in macchina, hanno una casa, vanno a scuola...);

2. la cotta di un - ape per una ragazza umana (indovinate un pò che mestiere fa la ragazza? Sì:LA FIORISTA)

3. l'ape che diventa avvocato per difendere il copyright delle api sul miele (niente più miele prodotto dagli umani, niente più commercialzzazione del miele attraverso icone varie di orsesca fattura - pure Pooh deve rinunciare al miele...-);

4. i cameo di Sting e di Ray Liotta (su NNDB una simpatica radiografia ) e di Larry King;

5. le api che sanno volare e che salvano il mondo salvando un areo con sopra gli ultimi fiori della terra...

Giudizio.

La prima parte del film è piuttosto veloce e vivace. Sembra promettere bene fino all'incontro con l'umana-fiorista. Poi si blocca. Lo-ape si innamora. L'umana di innamora anche lei? Poi arriva la faccenda del miele rubato. E il cartoon diventa un legal-cartoon. In sostanza un pò deluso.

 

0 commenti: